Registration
Gelatina dolce di maiale
Paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria

Gelatina dolce di maiale

Area di produzione
Basilicata

Descrizione sintetica del prodotto e materie prime
La gelatina dolce va servita a spicchi, con una foglia di alloro amalgamata all’estremità. Si presenta scura per il cacao, morbida e leggermente agrodolce.
Materie prime: acqua, orecchie, piedi, coda, cotica di maiale, alloro, vin cotto, cacao, sciroppo di arance, zucchero , mandorle.

Materiali ed attrezzature per la preparazione
Caldaia di rame stagnato, mestolo grosso in legno, tritacarne, vassoi ampi in terracotta o ceramica.

Tecnica di preparazione e conservazione
Cuocere lentamente in acqua i piedi, le orecchie, la cotica e le ossa di maiale. Scolare, allontanare le ossa, e tritare il tutto. Portare di nuovo ad ebollizione, sgrassando lo strato superiore con un cucchiaio largo di legno, fino ad eliminazione totale.
Riscaldare il vin cotto con un po’ di aceto, sciroppo di arance, zucchero, mandorle trite e cacao. Aggiungere questo condimento alla gelatina già sciolta.
Versare il prodotto in vassoi di terracotta o ceramica larghi e poco profondi, avendo cura di apporre sui bordi delle foglie di alloro.
Va conservata in luoghi freschi e asciutti.

Descrizione dei locali di lavorazione e periodo di produzione
La preparazione avviene in locali idonei.
La produzione e lavorazione si effettua nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio.

Riferimenti storici

Via Herculia

Da un'antica strada di epoca romana, parte un percorso nuovo verso le eccellenze enogastronomiche della provincia di Potenza.